I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Informazioni OK

STRAORDINARIA - Potatura

Nel verde ornamentale la potatura è spesso un mezzo per porre rimedio a carenze in fase di impianto.
Una pianta sana, vigorosa, di specie adatta all'ambiente ed al sito di impianto, non dovrebbe essere sottoposta a potature se non in caso di eventi eccezionali, come schianti, attacchi parassitari, ecc. Ogni intervento, quindi, va eseguito solo se effettivamente necessario.
Altri aspetti di cui bisogna tener conto, prima di effettuare una potatura, sono: le finalità per cui si interviene,
le caratteristiche biologiche e morfologiche della specie, l'epoca e l'età della pianta.

Per una corretta esecuzione degli interventi di potatura, è necessario conoscere il portamento spontaneo delle piante.
Non ha senso forzare la loro tendenza naturale (ad eccezione delle siepi) poichè tenderanno comunque a riprendere la propria.

Esistono vari tipi di potatura:
  • la potatura di allevamento riguarda le piante giovani e viene eseguita per conferire loro la forma definitiva;
  • la potatura di risanamento riguarda invece quelle piante interessate da manifestazioni patologiche o compromesse da infezioni parassitarie;
  • la potatura di contenimento interessa quelle piante che creano problemi di spazio perchè si sta invadendo la sede stradale o il fronte dei fabbricati;
  • la capitozzatura consiste nell'asportazione quasi totale della chioma delle piante.
Il periodo più appropriato per la potatura varia a seconda della specie della pianta.

E' consigliabile evitare il periodo umido in quanto favorisce l'insediarsi di funghi. La potatura delle piante sempreverdi non dovrebbe mai avvenire mentre sono in piena fase vegetativa, ma un poco prima; quella delle siepi, invece, deve portare alla formazione di una superficie perfettamente piana in senso verticale, orizzontale e trasversale.
RICHIESTA INFORMAZIONI
Per avere informazioni compilate il form inserendo i vostri dati nei campi obbligatori contrassegnati da un asterisco (*).